A.S.D. Arcotorre Scacchi - Chieri

26.04.2021 CORSI E RICORSI O si potrebbe anche dire, senza rischiare l'osso del collo, "Nulla si crea, nulla si distrugge, ma tutto si trasforma", oppure ancora, senza rischiare la clinica psichiatrica, "l'eterno ritorno". Eh sì, perché stavolta vedremo due partite affratellate (non si può dire assorellate?) da elementi comuni, e con questo non intendo banalità del tipo stessa variante d'apertura o stessi contendenti. Leggere per credere!

10.04.2021 - SORPRESA NELL'UOVO DI PASQUA! Regalo di Pasqua incredibile quello che i soci e simpatizzanti dell'Arcotorre Scacchi si sono regalati, grazie al Candidato Maestro Carlo Ferretti che, per motivi di lavoro, ha conosciuto ed invitato il Grande Maestro rumeno Mihail Marin, tre volte Campione di Romania (1988, 1994 e 1999) e medaglia di bronzo individuale alle Olimpiadi di Scacchi (praticamente il campionato del mondo a squadre) di Salonicco 1988.
Ebbene, il Grande Maestro ha accettato l'invito e sabato 3 aprile si è collegato, dalla sua casa vicino Bucarest, al sito dell'Associazione (www.arcotorre.altervista.org), dove ha illustrato, in un Italiano impeccabile, una sua recentissima vittoria nell'ambito del Campionato Europeo a Squadre online, naturalmente in Serie A! E' stata un'occasione irripetibile per apprendere come pensano i Grandi Maestri e fare la conoscenza con uno dei più apprezzati autori, a livello mondiale, di libri di successo, nonché editore della rivista di scacchi rumena Chess Extrapress. Insomma, un pezzo da novanta!
Inutile dire che l'ora di collegamento è letteralmente "volata". L'occasione è stata anche propizia per far conoscere Chieri ed il suo territorio al Grande Maestro (già più volte in Italia), che ha promesso di venire a farci visita alla prima occasione insieme a sua moglie Maria Yugina, Maestra Federale russa nonché apprezzata pittrice (lei si autodefinisce chess paintress).

15.02.2021 - COSA RESTERA' ... di questo travagliato 2020 (per dirla alla Raf). Di sicuro, come il folto ed inclito pubblico noterà subitaneamente, una nuova variante da studiare, approfondire, vivisezionare, scandagliare, dibattere, esaminare, e finalmente giocare! Tutta colpa di un nerd 24enne capace di destare giganti dormienti da quattro secoli o giù di lì. Non stiamo parlando né di Harry Potter, né di Narnia, né tantomeno della saga del Signore degli Anelli ma, più semplicemente, della partita che ha lasciato quesiti insoluti e su cui il mondo intero s'affanna a cercare una parola definitiva, proprio come per i problemi dell'anno scorso, in cui questa partita è stata giocata. Se non ci credete, leggete qui. Buon divertimento!